Tu sei qui

attività sezione infanzia 2019 - scienze

 ALLA SCOPERTA DEL MONDO VEGETALE ... 

 anno scolastico 2018-2019

SEZIONE 5A VERDI
insegnanti Boldrin Claudia e Scaramuzza Francesca

Porre domande - formulare ipotesi - Trovare risposte e soluzioni
«Tutta la mia concezione del metodo scientifico può essere sintetizzata dicendo che consiste nei tre passi seguenti:

  • inciampiamo in qualche problema;
  • tentiamo di risolverlo, per esempio proponendo una nuova teoria;
  • ​impariamo dai nostri errori, in particolare da quelli su cui ci richiama la discussione critica dei nostri tentativi di soluzione, una soluzione che tende a condurci a nuovi problemi. O per dirla in tre parole: problemi, teorie e critica»

(Popper K.R., Logica della ricerca e società aperta. Antologia a cura di D.Antiseri, La Scuola, Brescia 1997, p. 23;)


Fonti di legittimazione: RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO EUROPEO del 22 maggio 2018 relativa a competenze chiave per l'apprendimento permanente (2018/C 189/01)
Competenza chiave europea:
COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZA IN SCIENZE, TECNOLOGIE ; COMPETENZA DIGITALE.
Campo di Esperienza: LA CONOSCENZA DEL MONDO - oggetti fenomeni e viventi -

COMPETENZE SPECIFICHE:

  • Porre domande, discutere, confrontare ipotesi, spiegazioni, soluzioni e azioni
  • Individuare le trasformazioni negli oggetti, nella natura.
  • Esplorare e individuare le possibili funzioni e gli usi degli artefatti.
  • Utilizzare un linguaggio appropriato per descrivere le osservazioni o le esperienze
  • Collocare nel tempo eventi

ABILITÀ

  • Individua l'esistenza di problemi e della possibilità di affrontarli e risolverlI
  • Individua analogie e differenze fra oggetti, persone e fenomeni
  • Elabora previsioni ed ipotesi
  • Utilizza la manipolazione diretta sulla realtà come strumento di indagine
  • Mette in successione ordinata fatti e fenomeni della realtà,  individuando relazioni esistenti fra persone e fenomeni
  • Utilizza un linguaggio appropriato per la rappresentazione dei fenomeni osservati e indagati

CONOSCENZE

  • Concetti temporali
  • Strumenti e tecniche

La Zucchina

Antefatto [SETTEMBRE 2018]tra l'erba delle aiuole dell'orto della nostra scuola viene "ritrovata" una zucchina molto cresciuta ...

L'attività:
L'OSSERVAZIONE:

Maestra   oggi vorrei far vedere a tutti ciò che abbiamo trovato ieri nell'orto … Emanuele         io non lo so, non c'ero!
La maestra mostra la zucchina ai bambini
Gioele               wow!
Emanuele         Che cos'è? Come si chiama?
Emma               è una zucchina grande e gialla
William             è una banana
Gaia                  ed è anche gialla
Sofia C.             … e anche vorrei dire che sembra tanto una zucca!
Nicholas           a me sembra tanto una mazza
Emanuele        non lo so … ma come mai è così lunga?
Maestra           chi vuole rispondere ad Emanuele?
Leonardo         è grande perché è da tanto tempo che non andiamo nell'orto e quindi è cresciuta
Aylin                ... e anche è un po’ verde
La maestra passa la zucchina ai bambini e li invita ad osservarla per vedere il colore e la forma, a toccarla per sentirne il peso e la consistenza …
Sofia F.             e ad annusarla anche!
Queste le impressioni: ... è grande! ... pesa tanto! ... sa di profumo! .... è cicciona! ... a me sembra anche un po’ marroncina sotto, e forse anche un po’ verde …
...  le curiosità
Maddalena: di che colore è dentro? ... e le risposte Emanuele : io dico che dentro è un po’ gialla.

L'ANALISI DETTAGLIATA ATTRAVERSO I SENSI

Maestra         se volete scopriamo quanto pesa e anche di che colore è all'interno.
La prima operazione è quella di pesare la zucchina, la appoggiamo sulla bilancia: segna 1KG!
Martino         ma come ha fatto a diventare così grande senza annaffiarla?
Leonardo      secondo me è cresciuta con la pioggia.
Continuiamo tagliando la zucca per vedere di che colore è all'interno, le maestre la tagliano in tante fettine e ne offrono una ad ogni bambino.
Emanuele      è quasi gialla! E ha anche i semi all'interno!
I semi attirano l'attenzione dei bambini, li tolgono delicatamente dalla fettina e li osservano:
...
 i semi sono un po’ gialli, ... mi sembrano un po’ grigi

FORMULAZIONE DI IPOTESI E RICERCA DI SOLUZIONI

Maestra         cosa possiamo fare con questi semi?
Sofia C.          possiamo piantarli!
Maddalena   così crescono altre zucche!
Invitiamo i bambini a mettere tutti i semi raccolti in un contenitore, pronti per essere piantati.
Sofia C.          questa zucca sa un buonissimo odore!
Emanuele      io ho trovato i semini anche dietro (gira la fetta di zucca)
Sofia C.          io ho trovato 4 semini! E ho fatto una maschera quando ho tolto i semini …
Emanuele      … io 5!
Zaccaria         … Io 6!

La zucchina ci è stata molto utile: ci ha permesso di rilevare caratteristiche, di fare ipotesi in merito alla crescita e al tempo che passa, di fare previsioni su ciò che avremmo trovato al suo interno, di contare e infine di trovare soluzioni per un utilizzo futuro dei semi. A seguire chiediamo ai bambini di rappresentare graficamente la zucca intera e la fettina di zucca.

... OTTO MESI DOPO ..
COME È ANDATA A FINIRE CON I SEMI DI ZUCCHINA?

I semi di zucchina raccolti a settembre sono stati conservati meticolosamente con lo scopo di seminarli nell’orto la primavera successiva. Purtroppo le condizioni avverse del tempo non ci hanno permesso di realizzare questo proposito, così abbiamo scelto di realizzare la semina in vaso.

È il 7 maggio, ci troviamo seduti nell’angolo del morbido quando le maestre prendono una piccola bustina bianca la mostrano a tutti e la scuotono chiedendo: “Secondo voi, cosa c’è qui dentro?”
Immediatamente i bambini notano la scritta sulla piccola busta
Maestra: qualcuno sa leggere cosa c’è scritto? 
Zaccaria         c’è la Z di Zaccaria
Gaia                forse zucca?
Maestra         una parolina è “zucchina”                                                                                                                                                                                       
Maddalena: sì, ora forse mi ricordo che quando eravamo nell’orto avevamo visto la differenza del maschio e della femmina.
Leonardo

:     la Nonna Maria [ci riferisce all'intervento di una "nonna" che lo scorso anno ci ha insegnato a seminare e piantare gli ortaggi nel nostro orto] ci ha dato i semini e ha fatto nascere la pianta.
Lorenzo:        forse le zucchine stanno crescendo tanto tanto.
Maestra:       Nella busta ci sono dei semi di zucchine, ricordate dove li abbiamo trovati? 
Aylin:              nell’orto.
Maddalena:  siiii, adesso mi ricordo, erano nella zucchina, era grande.
Emanuele:     noi l’abbiamo tagliata, era gialla anche dentro
Emma:           Io però non mi ricordo quando abbiamo tagliato la zucchina
Bruno:            l’abbiamo tagliata quando l’abbiamo messa sui tavoli.
Maestra:       vi ricordate che abbiamo preso la bilancia e l’abbiamo pesata? Quando pesava?
Bruno:            tanto.
Maestra:       Ora cosa possiamo fare con i semi?
Maddalena   li possiamo “impiantare”.
Maestra:          poichè si tratta di semi, diciamo seminare. Dove li seminiamo?
Maddalena e William hanno indicato dei vasetti che le maestre avevano già preparato in classe. Maddalena ed Emma osservano i vasetti e notano che hanno dei buchi sul fondo; temono che i semi e la terra possano uscire e si chiedono come fare per risolvere la questione. Le insegnanti spiegano che la terra, quando viene messa nei vasi, deve essere compattata e che quindi non fuoriesce dai buchini che invece servono per far fuoriuscire l’acqua in eccesso.

LA SEMINA

Ci disponiamo tutti seduti attorno a tre isole ai tavoli, un bambino consegna ad ogni compagno un vasetto di plastica, mentre le maestre dispongono al centro di ogni isola due tipologie di terra: il compost e del terriccio. Si invitano i bambini ad esplorare con i sensi (tatto, vista, olfatto e udito) i due tipi di terriccio, mentre le maestre raccolgono le loro riflessioni in una mappa concettuale. Successivamente si procede con la semina: ogni bambino ha a disposizione un vasetto che riempie con la terra che ha appena osservato; dopo averla compressa ognuno di loro pratica un foro nella terra con il dito e inserisce all’interno i tre semini di zucchina (abbiamo diviso equamente i semi raccolti: ne spettavano 3 per ciascuno). I semi vengono quindi coperti, ora non ci resta che aspettare …

 

ED ORA COSA SUCCEDERÀ? LE RIFLESSIONI SUL TEMPO CHE PASSA

Alvise           cresceranno le zucchine
Lorenzo       abbiamo usato la terra del compost e anche quella che compriamo
Maddy         si chiama terriccio, comunque, prima cresceranno le piantine e le foglie perché non possono crescere subito le zucchine
Leonardo     quando mettiamo l’acqua?
Emma          dobbiamo mettere l’acqua anche quando crescono le piantine
Maestra      quanto tempo passerà?
Emanuele    tutto il meseNicholas      tantissimo
Leonardo     90 giorni
Emma          io penso più di tutto il mese
Lorenzo       190 giorni
I bambini indicano il calendario, tenendolo come punto di riferimento per “contare i giorni” e stabilire il tempo che passa.
Maestra      come possiamo fare, quindi?
Leonardo     bisogna fare un lungo cartoncino
Aylin            possiamo mettere la freccia sul calendario
Gioele          si, sul 7 perché abbiamo cominciato
Martino       il calendario, però, non arriva a tutti i giorni che hanno detto i bambini che ci vogliono perché crescano le piante
Emma          possiamo costruire un calendario lungo.

RILEVAZIONE DATI

I vasetti posizionati in classe sono oggetto di osservazione quotidiana, diciamo quasi oraria … e all’osservazione seguono le riflessioni:
Samuele, dopo aver visto la piantina di Leonardo dice “Ma quanto tempo fa a messo i semini? La sua è altissima!”
Edoardo         il mio semino sta sollevando la terra e sta crescendo, io voglio che diventi una pianta, quella di Leonardo è grande, sembra una pianta mangia tutto.
Gaia                i germogli di Stella, di Sofia C. e di Nicholas hanno ancora il semino attaccato
Maddalena    il mio non è ancora nato ah… no ora si vede un po'!
Aylin               guarda! È cresciuta un’altra piantina: sono come la mamma il papà e il bambino
Bruno             i miei stanno ancora spingendo la terra
Samuele         i miei non sono ancora nati ma io li ho seminati il 13!
Stella              le mie piantine sono una grande, una media e una piccola
Samuele         maestra, che cosa indica quella freccia sul calendario?
Maestra         il giorno che hai seminato i semi di zucchina
Samuele         allora sono passati 7 giorni ed ora è così …

Per fissare i cambiamenti concordiamo di raccogliere i dati: mettiamo a disposizione di ogni bambino un blocco notes dove ognuno rappresenterà graficamente le trasformazioni che interessano prima il germoglio e poi la piantina. I dati vengono rilevati in momenti diversi a seconda del tempo di sviluppo delle diverse piantine. Sulla copertina del blocco notes si rappresenta il vasetto con i semi, mentre nelle parti successive viene disegnata la crescita della pianta nel momento della rilevazione.
Per verificare il tempo che passa i bambini quantificano i giorni contandoli sul calendario, dove è stata posizionata una freccia che indica il giorno della semina.
Poiché per alcuni bambini la semina è avvenuta nei giorni successivi, sul calendario è stata posta una seconda freccia con i loro nomi, in modo da avere un conteggio corretto da parte loro. I semi della nostra zucchina erano davvero portentosi, tutti sono germogliati e sono diventati delle bellissime piantine.  Dopo appena 15 giorni infatti avevano raggiunto dimensioni tali che è stata necessaria una nuova messa a dimora. 

IL TRAPIANTO

Grazie a Monia, la nostra super-rappresentante, abbiamo avuto a disposizione dei vasi capienti in grado di ospitare le piantine. Ogni bambino ha provveduto a cambiare il vaso come segue:

  • si riempie di terra, solo fino a metà,
  • delicatamente si sfila il vecchio vasetto, avendo cura di non rovinare la pianta e mantenendo compatta la zolla con le radici
  •  si posiziona la zolla al centro del nuovo vaso
  • Con l’aiuto della maestra, si aggiunge terra fino a coprire la zolla e parte del fusto
  • In alcuni casi si mette un bastoncino per sostenere la piantina

 

Le piante di zucchina ora sono pronte per vederne i frutti, ogni bambino ha portato a casa la sua la propria per poterla curare, sappiamo che qualcuno la tiene sul balcone, altri l'hanno messa a dimora nel giardino, altri bambini l'hanno portata nell'orto dei nonni: "perchè lì stanno meglio e trovano altre piantine di zucchina!". 

ECCO COM'È ANDATA A FINIRE: SONO CRESCIUTE DELLE BELLISSIME PIANTE DI ZUCCHINE!!! 

 

Ringraziamo i genitori che hanno favorito questo continuum tra scuola e famiglia e consolidato il patto educativo fra insegnanti e genitori.

Sito realizzato nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal ver.7.69 del 18/12/2019 agg.28/12/2019